STRISCE BLU ILLEGALI

Sei stato multato per non aver esibito il ticket in un parcheggio dove le strisce blu invadono la carreggiata?

Scarica qui istruzioni e modulo per il ricorso al Giudice di Pace



  1. Ben X
    24 ottobre 2011 alle 15:44

    ‎…Ahiahiai! Ragazzi, vi chiedo umilmente scusa, ma preso dalla rabbia incontenibile ho risposto agli amici fraterni Adriano e Stefano parlando di argomenti forse meno coerenti con la nota in oggetto. Vi rispondo adesso, esternando con semplicità il mio pensiero: ci sono leggi che trattano la cosiddetta materia della pubblicità e trasparenza degli atti. Non sarò un legale, anche se nell’esercizio della mia attività lavorativa sono obbligato ad ingoiare tanti fogli amarissimi che riguardano l’aspetto giurisprudenziale, ebbene, a me pare proprio che gli atti di ogni qualsiasi comune rientrino nella fattispecie di cui sopra. Mi spiego meglio chiedendo scusa per l’involontaria pedanteria dialettica, citando i casi e le normative che danno ragione al buon stefano ed al combattivo Adriano. Gli atti amministrativi sono normalmente accessibili dagli interessati. La legge che ha introdotto il diritto dei cittadini all’accesso ai documenti e agli atti è la legge 7 agosto 1990, n. 241 e successive modifiche e integrazioni.

    Il Testo Unico sugli Enti Locali (decreto legislativo n. 267/2000), all’articolo 10 dispone:

    Tutti gli atti dell’amministrazione comunale e provinciale sono pubblici, ad eccezione di quelli riservati per espressa indicazione di legge …….

    Come si esercita il diritto di accesso?

    * mediante visione
    * mediante estrazione di copia

    L’interessato, se vuole visionare un atto, può formulare richiesta verbale, e il responsabile del procedimento presso il cui ufficio l’atto è detenuto, ne garantisce la visione, fatti salvi i casi di atti non accessibili per legge.

    Per ottenere una copia dell’atto l’interessato deve presentare domanda di accesso e indicare lo specifico interesse all’accesso.

    GLI ATTI PUBBLICI DEL COMUNE

    Ci sono atti comunali di cui la legge impone la pubblicità, ad esempio le deliberazioni della Giunta e del Consiglio e tutti gli atti soggetti a pubblicazione all’albo pretorio.
    Gli atti pubblicati all’albo pretorio sono per natura accessibili da chiunque, senza bisogno di indicare lo specifico interesse.
    Anche i permessi di costruire sono accessibili da chiunque, perché sia la legge regionale che la legge statale urbanistica ne dispongono la pubblicazione.

    GLI ATTI INTERNI ENDOPROCEDIMENTALI

    Gli atti interni o endoprocedimentali non sono accessibili al privato fino a che non viene rilasciato il provvedimento amministrativo finale.

    L’ACCESSO IN MATERIA AMBIENTALE

    Il decreto legislativo 24 febbraio 1997, n. 39 contiene norme sulla libertà di accesso alle informazioni in materia di ambiente.
    Le norme sul diritto di accesso in materia ambientale è più ampio dell’ordinario diritto di accesso, infatti l’articolo 3 del decreto legislativo n. 39/1997 dispone: Le autorità pubbliche sono tenute a rendere disponibili le informazioni relative all’ambiente a chiunque ne faccia richiesta, senza che questi debba dimostrare il proprio interesse.
    4 minuti fa · Mi piace
    Insomma, spero sia chiaro per tutti, a mio avviso abbiamo in pugno una formidabile arma…possiamo sfuggire a questa ghiotta occasione o preferiamo sfuggire alla lotta?
    Per quanto mi riguarda, vale per me l’antico detto: Boia chi molla!

  1. No trackbacks yet.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...